FAVIGNANA. Oltre 30 mila litri erogati in due mesi dalla “casetta dell’acqua”

Ammontano a 31.201 i litri d’acqua erogati, in due mesi, dalla “casetta del’acqua” di Favignana. posizionata al centro anziani “I Fenomeni”.

Dal 15 settembre al 15 novembre sono state distribuite ben 450 schede ai cittadini residenti ed è stata erogata la seguente quantità di acqua: naturale: 24.955 litri; gasata: 6.246 litri, per un totale di 31.201 litri, con l’immediata conseguenza della riduzione dell’uso delle bottiglie in plastica.

La casetta dell’acqua, così come comunicato al momento dell’inaugurazione, in questa fase sperimentale fornirà acqua gratuitamente. L’acqua viene erogata fredda, tiepida, liscia o gassata a tutti gli utenti che, per averla, hanno soltanto dovuto ritirare presso gli uffici dell’area marina protetta l’apposita scheda contenente i rispettivi dati anagrafici in modo da permettere lo studio dei consumi.‎

Soddisfatto il sindaco, Giuseppe Pagoto, che ha sottolineato il grande lavoro avviato dalla precedente Amministrazione in collaborazione con l’Enea, con l’analisi e il censimento dei pozzi, lo studio del ciclo dell’acqua e la fornitura e collocazione della casetta dell’acqua. Tra gli obiettivi raggiunti c’è proprio quello della riduzione delle bottigliette di plastica, che costituiscono un rifiuto considerevole per l’isola. Nei progammi dell’Amministrazione c’è l’acquisto, con fondi comunali, di una seconda casetta dell’acqua, che sarà posizionata sull’isola di Marettimo e successivamente anche a Levanzo.

Annunci

Un pensiero su “FAVIGNANA. Oltre 30 mila litri erogati in due mesi dalla “casetta dell’acqua”

  1. E’ un’iniziativa molto importante e significativa che dovremmo cercare di realizzare anche ad Ustica per migliorare il servizio idrico a vantaggio degli utenti. Per quanto riguarda l’approvvigionamento, quest’estate abbiamo fatto un passo avanti. Come noto da molti anni ad Ustica è in funzione un impianto di dissalazione in grado di garantire da solo il totale fabbisogno idrico dell’isola nel periodo ottobre-maggio mentre nel periodo giugno-settembre (in concomitanza con l’afflusso turistico) è necessario integrare la produzione idrica del dissalatore con l’acqua trasportata dalle navi cisterna. E’ noto a tutti che il costo dell’acqua trasportato attraverso le navi-cisterne è molto più alto del costo dell’acqua prodotta attraverso la dissalazione. Ebbene: quest’anno nel corso dell’estate 2014, attraverso un uso più oculato della risorsa idrica, gli interventi di manutenzione della rete idrica, e l’ottimale funzionamento del dissalatore siamo riusciti ad ottenere il risultato di ridurre di quasi il 65% il rifornimento di acqua attraverso navi-cisterna con un risparmio notevole per le casse pubbliche. Si tratta di un concreto esempio di virtuosa politica ambientale e di risparmio economico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...