USTICA. Funzionamento del depuratore e Paes in discussione nell’ultimo Consiglio comunale

(Frances Barraco) Si è finalmente tenuto il Consiglio comunale che, convocato per l’altroieri pomeriggio, non aveva raggiunto il numero legale né alla prima convocazione né alla seconda, un’ora dopo.

Ieri pomeriggio, sebbene continuasse l’assenza di tutti i membri del gruppo di minoranza e delle consigliere Lupo e Vena, come da regolamento, si è potuto procedere.

Il pubblico, complice forse l’inclemenza del tempo, era scarsissimo, solo cinque persone.

Il presidente del Consiglio, Mancuso, prima di aprire la seduta, ha fatto una dichiarazione, chiedendo che fosse messa a verbale, in merito a una foto e al relativo lungo commento apparsa ieri su un blog locale, a firma del suo amministratore.

La foto inquadrava lo specchio di mare sottostante il depuratore di Ustica e lo scritto deprecava la tipologia dello scarico. Mancuso ha contestato l’accaduto puntualizzando che, proprio nel giorno 21 gennaio, data riportata sulla foto, era a Ustica un team di tecnici dell’Arpa, i quali, accompagnati da carabinieri, visto che il depuratore è tutt’ora sotto sequestro, erano a fare un sopralluogo sulla funzionalità dello stesso e sulla qualità dello scarico a mare attraverso un monitoraggio durato 24 ore.

E’ quindi intervenuto il capo dell’Ufficio tecnico Riccio a puntualizzare che proprio nella mattinata di ieri aveva fatto anch’egli un sopralluogo, sempre accompagnato dalle forze dell’ordine, cui aveva poi consegnato una propria attestazione sul corretto e regolare funzionamento del depuratore. Anche il sindaco ha sottolineato il fatto che diffondere certe notizie, non suffragate da prove reali, non può ottenere altro risultato che negativo nei confronti dell’isola tutta.

In seguito a questo ultimo monitoraggio da parte dell’Arpa, il Comune, avendo chiesto il dissequestro del depuratore, si aspetta che questo vada a buon fine in modo di poter cominciare i lavori di adeguamento, finanziati e appaltati già da tempo.

Si è quindi aperto il Consiglio, e dopo una veloce lettura  dei verbali delle ultime tre sedute precedenti, si è passati all’esame del Piano di azione per le energie sostenibili, la cui approvazione andava fatta entro il 31 gennaio, pena l’esclusione dai conseguenti contributi europei. Il piano, già ampiamente presentato lo scorso 12 gennaio in un’assemblea cittadina indetta ad hoc, comprende numerosi interventi sia sul pubblico che sul privato, e tende a ridurre l’emissione di Co2 nell’aria. Anche su questo tema è intervenuto il capo dell’Ufficio tecnico, con un’ampia ed esaustiva illustrazione del piano, i cui elaborati sono a disposizione dei cittadini.

In ultimo è stata ancora una volta rimandata al prossimo Consiglio comunale un’interrogazione posta dalla consigliera Lupo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...