USTICA. Trasporti integrativi, copertura finanziaria resta il nodo, e prende quota l’ipotesi dei collegamenti aerei

(Frances Barraco) Oggi, 4 febbraio, non avendo ancora alcuna notizia circostanziata da parte dell’Amministrazione comunale di Ustica in merito alla pubblicazione del bando a valenza comunitaria per i servizi integrativi di trasporto tra Ustica e la terraferma – se non un invito ad essere fiduciosi – ci siamo rivolti direttamente alla fonte contattando il dipartimento delle Infrastrutture e abbiamo parlato con il dirigente del servizio, Dora Piazza, per avere delucidazioni in merito.

La dirigente, molto disponibile a rispondere alle nostre domande, ci ha confermato che il bando è pronto nella sua parte regolamentare, ma per la pubblicazione si aspetta conferma sulla dotazione finanziaria. É quest’ultima notizia la chiave del problema; oggi all’Ars, tra gli altri argomenti, era all’ordine del giorno anche la discussione del progetto di legge che allungherebbe la durata del servizio di trasporto integrativo da due a cinque anni. Non sappiamo ancora se sia stato discusso, e con quale eventuale risultato, né se sia stato rimandato ancora una volta.

Abbiamo ancora chiesto alla dirigente cosa succederebbe in caso di notizia negativa o di un procrastinarsi della discussione; ci è stato risposto che, in alternativa, sarebbe pubblicato un bando con una valenza di servizio di due anni, per il quale c’è la copertura finanziaria. Con il dirigente generale si sono dati un termine ultimo entro il quale decidere, stabilito all’interno della prossima settimana, trascorso tale termine un bando sarà pubblicato. Ci viene ricordato che la durata della pubblicazione e di cinquantadue giorni, e che nella stesura del bando è stato ridimensionato l’importo da proporre a base d’asta, visto che è stato riconosciuto che sinora la Regione ha speso, obiettivamente, troppo per questi servizi. Ci ha inoltre comunicato che è allo studio un emendamento che prevede la possibilità di mezzi di trasporto alternativi a quelli navali, che potrebbero servire l’isola nei mesi di bassa stagione, quando minore è l’afflusso di passeggeri, si prende in considerazione l’utilizzo di elicotteri, il cui costo sarebbe nettamente inferiore all’impiego di mezzi navali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...