L’ANALISI. Consiglio comunale, l’incomprensibile strategia della minoranza

(Frances Barraco) Il Consiglio comunale di ieri pomeriggio non ha avuto luogo. Erano assenti due membri del gruppo di maggioranza e uno di quello di minoranza, assente anche il segretario comunale; in questi casi la verbalizzazione viene affidata al consigliere più giovane, il compito sarebbe quindi spettato a Silvia Basile, del gruppo di minoranza, che ha rifiutato perché sarebbe stata impossibilitata, a causa di impegni precedentemente presi, a redigere il verbale per la pubblicazione, a seguito della seduta consiliare. L’incarico è quindi passato alla consigliera Tranchina, del gruppo di maggioranza.

Espletate le pratiche di rito, il presidente ha dichiarato aperta la seduta e ha annunciato il primo punto all’ordine del giorno, “comunicazioni del presidente”, quando è intervenuto il capogruppo della minoranza, Caminita, dichiarando che, dal momento che a corredo di questo punto non erano presenti documenti esplicativi, questo non si sarebbe potuto discutere; pertanto, dopo aver denunciato la continuata mancanza di rispetto da parte del gruppo di maggioranza nei confronti della minoranza, nonché nei confronti del regolamento comunale, si è allontanato dall’aula insieme agli altri consiglieri del suo gruppo.

Dopo questa uscita, il presidente ha interrotto il Consiglio per cinque minuti, giusto il tempo per chiamare telefonicamente il segretario comunale e interrogarlo in merito. Alla ripresa del Consiglio, è stato riferito quanto comunicato dal segretario: una comunicazione da parte di chiunque facesse parte del Consiglio comunale o della Giunta o anche da parte del sindaco, seppur inserita all’ordine del giorno, non essendo sottoposta a discussione né a voto, non necessita di documentazione allegata.

Il Consiglio, come da prassi, è stato rinviato ad oggi alla stessa ora.
É la seconda volta di seguito che il gruppo di minoranza diserta il Consiglio comunale, non è chiara questa strategia che porta solo ad allungare i tempi senza ottenere risultati. Sarebbe opportuno, proprio per rispetto di quei cinquecento voti, che la minoranza sostiene di rappresentare, che fosse fatta maggiore chiarezza e che fossero fattivamente affrontati tutti quei problemi che affliggono l’isola come la mancanza di un bando per il servizio integrativo di collegamento, la mancanza di un bando per il nuovo direttore dell’Amp, il sequestro dell’area di stoccaggio, il sequestro del depuratore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...