L’EDITORIALE. Inizia la stagione turistica, con alcune criticitá da non sottovalutare

(Roberto Rizzuto) Le vacanze pasquali sono alle spalle, e per Buongiorno Ustica é tempo di riprendere le pubblicazioni dopo la breve sosta osservata negli ultimi due giorni.

L’ingresso nel mese di aprile segna quello che dovrebbe essere il punto d’inizio della stagione turistica, che si spera possa far registrare una ripresa dell’economia isolana dopo gli effetti nefasti di un lunghissimo inverno per la comunitá locale, costretta a fare i conti con difficoltá di varia natura, su tutte quelle legate ai trasporti precari e ai prolungati periodi d’isolamento.

La stagione turistica 2015 rappresenta, per certi versi, una sorta di ultima spiaggia per l’economia dell’isola, che puó riprendersi oppure sprofondare inesorabilmente verso il baratro. Il banco di prova della primavera-estate dirá se, nell’autunno-inverno appena superati si é seminato in modo corretto e produttivo.

Quello che é certo, purtroppo, é che l’isola di Ustica si é presentata ai nastri di partenza della stagione turistica con alcune criticitá non superate, che rischiano di esplodere nel breve periodo, ovvero in piena estate, se non risolte con la massima tempestivitá.

La vicenda legata ai trasporti veloci, per esempio, é tutt’altro che risolta. Il bando per l’assegnazione del servizio integrativo sta seguendo il suo corso; nel frattempo, l’unica societá al momento attiva sulla tratta Palermo-Ustica, che esercita di fatto in regime di monopolio, vale a dire la Compagnia delle Isole, continua a lasciare insoddisfatti numerosi utenti, che sui social sfogano la propria rabbia per la qualitá del servizio erogato. In molti rimpiangono la Usticalines, compagnia che, nel corso del precedente mandato, ha svolto il servizio integrativo in modo giudicato egregio dai piú. La scomparsa, che molti si augurano essere soltanto momentanea, di questo vettore, specie nel periodo invernale, quando la Compagnia delle Isole ha saltato numerose corse, é stata vissuta come una piccola catastrofe da gran parte della popolazione residente.

Altro punto delicato riguarda il corretto funzionamento del depuratore, tema, questo, ampiamente sviscerato nei giorni scorsi su queste pagine. Ci auguriamo che tutti i dubbi sul funzionamento di questa infrastruttura di primaria importanza si diradino al piú presto: non osiamo immaginare quali danni, a livello d’immagine ed economico, comporterebbe l’esplosione di una emergenza in questo senso nel pieno della stagione turistica.

C’é poi un discorso a parte da fare che riguarda l’Amp, che a breve avrá un nuovo direttore che raccoglierá l’ereditá dell’attuale direttore facente funzioni, Riccio, a sua volta subentrato al dimissionario Di Carlo. L’Amp, di fatto in fase di stallo dall’addio di Di Carlo – la direzione temporanea di Riccio infatti non ha potuto che far fronte all’espletamento dell’ordinaria amministrazione – attende una programmazione articolata che possa produrre al piú presto risultati che rilancino l’area marina protetta, dandole quel ruolo di volano dell’economia locale piú volte annunciato a parole.

Per la scelta del nuovo direttore, l’Amministrazione Licciardi ha scelto di indire una selezione pubblica, anziché ricorrere allo strumento della nomina diretta, peraltro previsto dalla convenzione ministeriale. Questa scelta ha inevitabilmente comportato un allungamento dei tempi per l’assegnazione del mandato; l’iter relativo alla selezione, cominciato un mese e mezzo fa circa (la pubblicazione dell’avviso risale al 20 febbrario scorso) é, comunque, in dirittura d’arrivo, come confermato alla nostra redazione dall’assessore Salerno, e la nomina é attesa a breve.

Ci auguriamo che, sin da subito, il neodirettore dell’Amp indichi un programma chiaro, con obbiettivi di breve, medio e lungo termine da raggiungere per far sí che l’Amp torni a essere strumento di sviluppo e non soltanto fonte di divieti e restrizioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...