L’EDITORIALE. Trasporti marittimi. Eolie, Egadi e Ustica: trova le differenze…

(Roberto Rizzuto) Nel celebre periodico “La settimana enigmistica”, che raccoglie quiz, cruciverba e indovinelli, uno dei giochi più noti è rappresentato dal “Trova le differenze”, in cui due immagini simili sono messe a confronto e, al lettore, viene chiesto di individuare i particolari in cui le due immagini differiscono.

Scrivendo, in questi giorni, delle criticità registrate nei trasporti da e per le isole siciliane, la nostra mente è andata a quel gioco. Da una parte la fotografia ritraente le isole Egadi ed Eolie, dall’altra quella ritraente Ustica: situazioni simili, con sviluppi molto diversi.

Se alle Eolie e alle Egadi, infatti, sono bastati appena due giorni d’interruzione dei collegamenti operati da Usticalines (blocco motivato da inadempienze della Regione siciliana) per ottenere l’impegno personale nella vicenda del presidente Crocetta e il superamento dell’emergenza con l’immediata ripresa dei collegamenti, a Ustica le incertezze nei trasporti integrativi si protraggono ormai dalla fine del novembre scorso, ovvero da quando è scaduta la proroga di un mese al precedente incarico, affidato anche in quel caso a Usticalines.

Non sono bastati, nel caso di Ustica, ben tre bandi emessi al fine di riassegnare il servizio (i primi due per un periodo limitato di alcuni mesi, il terzo invece per un periodo pluriennale): tutti sono andati deserti. Ustica, in sostanza, è ancora oggi priva di un servizio essenziale, e la Regione – notizia di ieri – niente di meglio ha escogitato che riproporre nuovamente l’ultimo bando, questa volta tramite una procedura negoziata urgente a inviti, rivolta a compagnie italiane e straniere, come ha spiegato il sindaco Attilio Licciardi. Nell’attesa che la nuova gara venga espletata, la Compagnia delle Isole sarà chiamata a limitare i disagi della popolazione residente e dei turisti (non è dato sapere ancora come, esattamente).

Mentre le isole Egadi e le Eolie, dunque, in 48 ore hanno risolto le rispettive emergenze in materia di trasporti, la comunità usticese viene nuovamente messa in attesa dall’Amministrazione regionale, con il placet, evidentemente, di quella comunale, che in tutta questa vicenda, da mesi, si distingue per il proprio immobilismo e per l’appiattimento sulle posizioni adottate della Regione, in barba alle necessità della comunità, provata da mesi di precarietà in tema di continuità territoriale.

Annunci

One thought on “L’EDITORIALE. Trasporti marittimi. Eolie, Egadi e Ustica: trova le differenze…

  1. SIncertamente non credo che l’amministrazione comunale di Ustica abbia specifiche colpe nella tragedia dei trasporti in corso. Credo, piuttosto, che essendo una amministrazione legata al partito della nazione soffra di tutti i problemi tipici delle strutture di partito e viva, in più, la trasformazione genetica del PD ed il gioco di “pressioni”che tiene in piedi la giunta Crocemia ( crocetta, anzi lumia…)
    Beninteso, se l’amministrazione fosse stata del PDL sarebbe stato lo stesso.
    Solo una comunità che si impone unitariamente all’attenzione nazionale ha qualche possibilità di uscire dallo stallo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...