USTICA. Trasporti: sciolto il presidio in Municipio, ma i manifestanti rimangono in stato di agitazione permanente. Buona risonanza mediatica per la protesta

(Frances Barraco) Le notizie arrivate dal colloquio con il prefetto di Palermo, Francesca Cannizzo, che ieri ha ricevuto una delegazione di manifestanti usticesi che protestavano contro la precarietá dei collegamenti marittimi, non sono rassicuranti.

Nonostante le dichiarazioni del sindaco Attilio Licciardi, riportate dai giornali, nessuno degli amministratori è stato al fianco di quei cittadini che hanno manifestato. Nessuno di loro si è affiancato a chi, simbolicamente e civilmente, ha presidiato per un giorno la casa comunale, né il sindaco, che pure si trovava a Palermo, è andato ad accogliere la delegazione di usticesi in arrivo da Ustica.

Il risultato, comunque, è stato raggiunto: oltre all’imponente spiegamento di forze dell’ordine, dai carabinieri alla Digos, in banchina, c’erano anche giornalisti e il deputato Ferrandelli, mentre da Ustica l’ex assessore Valeria Ajovalasit, accanto ai manifestanti, ha favorito l’incontro, in serata, tra la delegazione di cittadini usticesi ed il prefetto, che, riconoscendo la validità degli argomenti sottoposti, ha manifestato il suo impegno, per quello che è il suo ruolo istituzionale, a lavorare per una soluzione del problema dell’assenza di collegamenti di trasporto integrativo, ma ha anche sottolineato  il disastro economico che la Regione siciliana sta vivendo.

In tarda serata, l’assemblea, concordandola con i manifestanti presenti a Palermo, ha preso la decisione di lasciare il presidio della casa comunale, di rimanere in stato di agitazione permanente sino alla soluzione del problema. È indetta per oggi una nuova assemblea cittadina per aggiornare la comunitá sulle notizie raccolte.

Annunci

One thought on “USTICA. Trasporti: sciolto il presidio in Municipio, ma i manifestanti rimangono in stato di agitazione permanente. Buona risonanza mediatica per la protesta

  1. Questa mattina ho risentito la prefettura. Non so se ci siano i tempi tecnici per avallare la mia proposta ma ho fatto aggiungere al verbale di ieri sera la possibilità di ripristinare la scadenza naturale della sentenza del Consiglio di Stato. Anziché aspettare il mese di ottobre (quando sembra ormai certo il passaggio e l’acquisizione dei mezzi e delle tratte ad altra compagnia), chiedere che venga rispettata la data stabilita dalla sentenza che era quella di giugno. Capisco che i tempi sono stretti ma si potrebbe sperare che la società subentrante possa aderire e iniziare da subito a prendersi in carico ciò che avverrà a fine estate, risolvendo anche se solo in parte (la stagione sembra ormai compromessa) i problemi legati ai trasporti nell’ambito estivo di tutte le isole coinvolte. La proposta arriverà all’assessore Pizzo tramite il Prefetto ma intanto provo a farla pervenire anche alla commissione trasporti della Regione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...