L’EDITORIALE. Bugie e diversivi: la ricetta di Licciardi per coprire il suo fallimentare operato da sindaco

(Roberto Rizzuto) Il sindaco di Ustica, Attilio Licciardi, come da sua consolidata abitudine, prova a nascondere i fallimenti legati alla sua disastrosa terza amministrazione con la “foglia di fico” dell’attacco alla stampa locale. Scrive testualmente il primo cittadino sulla pagina Facebook di “Ustica Democratica”: “In tutta sincerità penso che gli usticesi si sono stancati dell’immagine negativa di Ustica che viene trasmessa all’esterno da Usticasape e Buongiorno Ustica. Quando si evidenziano ed enfatizzano solo i problemi (che pure ci sono e riguardano tutti i Comuni) e non si parla mai delle innumerevoli iniziative positive e costruttive che vengono portate avanti con grandi sforzi e grandi sacrifici non si fa un buon servizio ad Ustica. Ci avviciniamo alla stagione estiva. Già l’anno scorso abbiamo duramente sofferto della pubblicità negativa sui trasporti. Si vuole ripetere lo stesso errore? O possiamo, ciascuno per la sua parte, lavorare per far crescere Ustica? Il mio è uno spunto di riflessione e di discussione. Grazie”.

Al sindaco di Ustica, come giá fatto in passato, rispondiamo che la qualitá delle notizie relative a una comunitá, in questo caso quella usticese, non dipende dalla mano di chi scrive, ma dalla qualitá stessa della realtá. E oggi, parlando di cose reali, ad esempio, Ustica é un’isola in cui persino morire é problematico, come dimostra la vicenda, raccontata il 24 febbraio sul nostro giornale, della salma temporaneamente rimasta nella chiesetta del cimitero in attesa di collocazione, prima di essere tumulata il giorno dopo, giorno 25. Davvero grotteschi, da questo punto di vista, sono stati i tentativi di minimizzare la vicenda ad opera del sindaco Attilio Licciardi e dell’assessore comunale Tania Licciardi, che, mentendo alla collettivitá, il 26 febbraio, sempre a mezzo Facebook, lasciavano intendere che il suddetto articolo di Buongiorno Ustica fosse apparso a emergenza giá risolta. Niente di piú falso, ma, del resto, alle bugie di questa amministrazione, i nostri lettori e i cittadini usticesi sono purtroppo abituati.

Il sindaco di Ustica, nel suo editto bulgaro su scala ridotta, auspica, a nome della propria comunitá, di non soffrire piú le conseguenze di una presunta campagna negativa sui trasporti, dimenticando di essere stato egli stesso, insieme al governo regionale Crocetta, protagonista in negativo della tristemente nota, e a tratti farsesca, vicenda dei collegamenti marittimi integrativi. Vicenda in cui l’amministrazione comunale, insieme a quella regionale, ha “brillato” per lassismo e incompetenza, e che é costata alla collettivitá sacrifici e disagi incalcolabili, di cui questo giornale ha dato notizia, facendo cronaca e non “campagne”, come vorrebbe asserire, con esiti francamente comici, il sindaco Licciardi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...