L’ANALISI. Referendum, il caso di Ustica insegna: per vincere non si puó fare campagna solo su Facebook

(Frances Barraco) In quest’ultima tornata elettorale, che non è stata una consultazione politica ma un referendum abrogativo sulla durata delle trivellazioni in mare entro le dodici miglia dalla costa, ha vinto l’astensionismo, con un margine altissimo, ovvero il 68 per cento (dato nazionale).

É, senza dubbio, un dato così importante che non può essere sottovalutato; a tal proposito, il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha parlato di “risultati ottimi. I lavoratori – ha detto il premier – hanno vinto, qualche consigliere regionale ha perso. Adesso al lavoro per un’Italia più forte”.

A Ustica, già il 9 marzo, l’area marina protetta si era pubblicamente schierata per il “Sí”, utilizzando la propria pagina Facebook per rendere pubblica la propria scelta. Il 24 marzo, il sindaco di Ustica, Attilio Licciardi, dichiarava, sempre su Facebook, che l’Amministrazione comunale si affiancava all’Amp nella scelta del “Sí”; da allora è partita una campagna telematica, al motto, così diceva Licciardi, di “andare a votare, e votare Sí”.

Vista la percentuale con la quale, a Ustica, l’astensionismo, attestatosi al 76,80 per cento, ha stravinto sia sul “Sí” che sul “No”, andrebbero fatte alcune considerazioni, ma al momento non si hanno notizie di dichiarazioni da parte del sindaco.

La campagna, intrapresa su Facebook da Licciardi, è comparsa anche su qualche testata giornalistica locale, compresa la nostra. Ma essendo Ustica un’isola piccolissima, con un esiguo gruppo di aventi diritto al voto, 1.103 persone in totale, forse un comizio o un’assemblea cittadina avrebbero meglio contribuito a una più approfondita informazione, considerando che non tutti i 1.103 elettori usticesi hanno accesso a Internet e a Facebook in particolare; forse anche un incontro diretto con i cittadini, magari per strada o in piazza, avrebbe contribuito a far vincere il “Sí” o il “No” sull’astensionismo, ma cosí non è stato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...