USTICA. Malore dopo immersione, turista salvata dal pronto intervento dei medici

Il tempestivo intervento di soccorso prestato a una turista francese in vacanza a Ustica, colpita da malore dopo un’immersione alla profondità di trentasei metri, ha consentito di evitare il peggio.

La sub, di 45 anni, in seguito al malore, è stata trasportata al centro iperbarico dell’isola, dove è stata sottoposta a terapia ricompressiva di urgenza per circa cinque ore.

La donna presentava gravi sintomi di patologia da decompressione, tuttavia, la tempestività dell’intervento terapeutico ha permesso di salvarla. Il breve tempo trascorso tra l’insorgenza dei sintomi e il trattamento iperbarico non deve superare i trenta minuti. Solo questo permette alle bolle di regredire senza che abbiano causato danni permanenti.

L’azienda sanitaria provinciale di Palermo gestisce le camere iperbariche di Partinico, Ustica e Lampedusa, avvalendosi di anestesisti rianimatori e personale sanitario e tecnico specializzati in medicina subacquea e iperbarica. Questo primo caso stagionale a Ustica e altri due casi a Favignana confermano l’utilità salvavita della rete regionale iperbarica nelle isole minori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...