PANTELLERIA. Minacciò e umiliò il marito: donna di 39 anni condannata a otto mesi di reclusione

Avrebbe minacciato e umiliato il marito, con azioni ed epiteti tali da spingere il giudice a emettere una sentenza di condanna a suo sfavore. Ad è essere giudicata colpevole dei maltrattamenti ai danni del marito è stata una donna di Pantelleria di 39 anni, condannata dal giudice Lorenzo Chiaramonte a otto mesi di reclusione.

Secondo l’accusa, nel 2012, l’uomo sarebbe stato abitualmente maltrattato dalla moglie, che gli avrebbe persino impedito di usare il bagno di casa e la lavatrice, minacciandolo con bastone e coltello, dicendogli che gli avrebbe spaccato la testa e tagliato la faccia, e insultandolo con epiteti quali “bastardo”, “cornuto”, “schifoso vecchio”, “infame”.

Nel processo, l’uomo si è costituito parte civile, ad assisterlo è stato l’avvocato Leo Genna. Alla vittima dei maltrattamenti, il giudice ha riconosciuto il diritto a un risarcimento danni che sarà quantificato in sede civile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...