EGADI. L’Amp protagonista della nuova edizione della “Carta del mare”

L’area marina protetta “Isole Egadi” – già aderente alla “Carta del mare” nel 2015 come portatrice di buone pratiche – parteciperà, giovedì 15 dicembre, a Genova, all’ottava edizione della “Carta del mare 2.0: protagonisti di buone pratiche 2016” (www.cartadelmare.it).

L’iniziativa, con la presentazione dei risultati e la premiazione degli aderenti per il 2016, si svolgerà all’auditorium Galata museo del mare del capoluogo ligure, dove l’Istituzione musei del mare e delle migrazioni illustrerà in chiave rinnovata e online, la Carta del mare, che invita a riflettere sulle proprie buone pratiche e a diffondere comportamenti virtuosi in sette aree: cultura, ambiente, accoglienza, lavoro, innovazione, relazioni e catena di fornitura.

Nel 2016 sono stati registrati nuovi aderenti in tutti i settori, ma un incremento importante si è verificato nelle imprese che hanno visto protagonisti giovani imprenditori. Quest’anno si sono superati i 120 partecipanti, con più di 4000 buone pratiche.

Tra i nuovo aderenti ci sono anche il museo marittimo di Istanbul, la fondazione Acquario di Genova, l’area aarina protetta di Ustica, la sala storica della Scuola telecomunicazioni della Marina militare di Chiavari, il museo navale di Camogli e di Imperia e Reefcheck Italia, oltre a realtà singole e associate rappresentative del contesto culturale ed imprenditoriale della Liguria.

“Ringrazio l’associazione per l’invito alla prestigiosa iniziativa – dice Giuseppe Pagoto, sindaco del Comune di Favignana, che dell’area marina protetta “Isole Egadi” è presidente. Non potremo essere fisicamente presenti, ma desideriamo essere informati sull’esito dell’evento e sui risultati, in particolare relativamente alle buone pratiche, per cui ci siamo sempre distinti. Non a caso le buone pratiche dell’area marina protetta “Isole Egadi”, già da oltre un anno, sono inserite nell’elenco della Carta del mare e sul sito web dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra), l’ente di ricerca del ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, nell’ambito del progetto Gelso (Gestione locale per la sostenibilità ambientale).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...