LA LETTERA. Hotel San Bartolomeo, Bonura: “Il sindaco altera i fatti con affermazioni fuori dalla realtà”

(rr) L’imprenditore Baldassare Bonura ci ha inviato ieri, 23 gennaio, la seguente nota, in riferimento a un articolo da noi pubblicato a proposito degli ultimi sviluppi della vicenda processuale relativa all’hotel San Bartolomeo di Ustica, la cui proprietà è contesa dallo stesso Bonura e dal Comune isolano. La redazione di Buongiorno Ustica rimane a disposizione delle parti interessate qualora volessero rendere noti alla cittadinanza, attraverso il nostro giornale, informazioni e atti utili per i nostri lettori al fine di meglio comprendere questa complessa vicenda. 

***

(Baldassare Bonura) Con la presente, rispondo a quanto da Ella richiesto nell’articolo, e, con l’occasione, La informo che in data odierna è stato nuovamente posto ad Autorità Giudiziaria competente quanto sta diffusamente pubblicando il Sindaco nella sua personalissima cronaca, i cui contenuti, sono del tutto privi di verità. Per di più smentiscono, nei fatti, quanto invece sostenuto proprio dal suo legale, avv.ssa Machì Elvira, che, nel ricorso presentato per la reintegra in possesso, pur sempre in modo non veritiero, ha sostenuto che l’immobile è “sempre stato in mano al Comune dal 2002 al 2016 e che lo stesso è stato destinato a pubblica utilità”. Dunque perché il Sindaco chiede a chi o che cosa destinarlo? Perché al Giudice è stato prodotto che il Comune dal 2002 al 2016 lo ha destinato all’ “uso pubblico”?

Invece, come da Ella illustrato, l’immobile è in evidente stato di abbandono e degrado, oltre che privo di luce (per sottrazione di cavo elettrico) e con i piani scantinati pieni di liquami provenienti dalle fogne pubbliche; e, come ho dettagliatamente indicato agli inquirenti, è stato oggetto di intrusione di terzi sia per furto che per saccheggio.

Tutto ciò pubblicamente smentisce quanto sostenuto nel ricorso dell’avv.ssa Machì e poi accolto nell’ordinanza dal Giudice di merito, di cui, per ulteriori motivi giuridici, si è chiesto l’annullamento. Contestualmente, ho depositato una denuncia per l’accertamento dei fatti e dei documenti posti a base del ricorso del Comune.

A chiarimento dei fatti: il sottoscritto, in data 6 febbraio 2016, dopo avere apposto catene e catenacci, giusta dichiarazione spontanea verbalizzata in pari data alle Autorità, avendo già acquisito per legge la proprietà per esercizio più che ventennale del possesso, nel corso delle due visite tecniche svolte successivamente nell’immobile, ha dettagliatamente fotografato lo stato dei luoghi, per la perizia dei danni e delle spese da predisporre. Saranno, quindi, i tecnici e i legali a stabilire modi e tempi richiesti per il risanamento.

Un’ultima precisazione altrettanto doverosa: il Sig. Russo Salvatore, che per la seconda volta si è visto costretto a denunciare per diffamazione il Sindaco, nulla ha a che vedere né con l’hotel né con la proprietà, e mi preme informare il Sindaco, visto quanto pubblicato su altri siti giornalistici on line, che il Sig. Russo, che nel 1978 aveva 4 anni, di certo non poteva costruire con me l’albergo…!!

Fuori dall’ironia, Le pongo io una domanda: perché il Sindaco, se sa di avere ragione giuridica certa e inoppugnabile, sta alterando pubblicamente fatti e documenti noti ormai a tutte le Autorità interessate alla questione, con affermazioni fuori dalla realtà?

La ringrazio per l’attenzione e sarà mia cura informarLa sugli imminenti sviluppi giudiziari.

Buon lavoro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...