USTICA. La sistemazione gratuita in albergo dei passeggeri bloccati a Palermo è un diritto elementare, non una gentile concessione

(Roberto Rizzuto) La vicenda accaduta il 15 febbraio scorso – quando una cinquantina di passeggeri che, da Palermo, si sarebbero dovuti recare a Ustica con la corsa delle 16,30 servita dall’aliscafo “Fiammetta” della SNS, sono rimasti a terra per un guasto tecnico occorso al mezzo – ha aperto un dibattito sulla questione dell’assistenza da fornire ai passeggeri in casi simili.

Il regolamento europeo 1177/2010, disponibile sul sito della compagnia Libertylines, che gestisce il segmento dei trasporti veloci in seno a SNS, all’articolo 17, paragrafo 2, disciplina le procedure di assistenza cui le società di navigazione sono tenute a dar luogo in caso di partenze cancellate o ritardate.

“In caso di cancellazione o ritardo alla partenza – si legge nel testo – che renda necessario un soggiorno di una o più notti o un soggiorno supplementare rispetto a quello previsto dal passeggero, ove e allorché sia fisicamente possibile, il vettore offre gratuitamente ai passeggeri in partenza dai terminali portuali una sistemazione adeguata, a bordo o a terra, e il trasporto tra il terminale portuale e il luogo di sistemazione, oltre agli spuntini, ai pasti o alle bevande di cui al paragrafo 1. Per ciascun passeggero, il vettore può limitare il costo complessivo della sistemazione a terra, escluso il trasporto tra il terminale portuale e il luogo di sistemazione, a 80 euro a notte, per un massimo di tre notti”.

Secondo quanto riferito da Patrizia Lupo, consigliere comunale di Ustica che era presente, soltanto alle 23,15, ovvero dopo un braccio di ferro durato circa sette ore tra una ventina di irriducibili passeggeri e la compagnia di navigazione, i passeggeri hanno ottenuto l’alloggio in strutture adiacenti il porto, a spese totali della compagnia, così come previsto dal suddetto regolamento.

Attraverso un comunicato diffuso, a proposito, da Ettore Morace, amministratore delegato della Libertylines, rilanciato anche dal sindaco di Ustica, Attilio Licciardi, la compagnia ha quindi affermato di aver “sempre rispettato le regole e soprattutto – si legge – abbiamo agito secondo il regolamento europeo, che prevede il rimborso delle spese effettuate. Abbiamo sempre e in ogni momento confermato ai venti passeggeri rimasti in biglietteria che si sarebbe provveduto al rimborso di quelle spese”. Morace ha poi puntualizzato che è stato il sindaco Licciardi “a proporre alla nostra società di anticipare le spese di pernottamento. Così, proprio in ragione di quella proposta, e in deroga al regolamento europeo, Libertylines ha accettato la richiesta formulata del sindaco di anticipare le spese di pernottamento per i passeggeri che non avevano potuto raggiungere le loro case a Ustica”.

Queste affermazioni, tuttavia, contrastano con quanto disposto dallo stesso regolamento europeo citato da Morace, che, appunto, al secondo paragrafo dell’articolo 17, stabilisce il diritto dei passeggeri a ottenere una sistemazione adeguata, a bordo o a terra, gratuitamente offerta dalla compagnia, in caso di cancellazione o ritardo alla partenza che renda necessario un soggiorno di una o più notti o un soggiorno supplementare rispetto a quello previsto dai passeggeri. In nessuna parte del regolamento viene affermato che, in questo preciso scenario, le spese per l’alloggio debbano essere anticipate dai passeggeri e quindi successivamente rimborsate dalla compagnia.

La sistemazione gratuita in albergo, la sera del 15 febbraio, dei venti passeggeri diretti a Ustica non va, insomma, interpretata come una gentile concessione della compagnia di navigazione, ottenuta tramite l’intercessione del sindaco Licciardi, ma come un elementare diritto che, peraltro, sarebbe dovuto scattare immediatamente, e non dopo una trattativa di sette ore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...